giovedì 28 gennaio 2010

Programma dell'incontro sullo 'spazio scenico' al Palafiori di Sanremo con le insegnanti delle scuole elementari


-->
Brainstorming (letteralmente: tempesta cerebrale)

  • Perché un corso di educazione alla teatralità agli insegnanti?
    > Per impadronirsi al meglio delle capacità comunicative.
  • Cos'è lo spazio scenico? In particolare: perché è utile conoscerlo?
    > Perché l'insegnante come l'attore si trova in continuazione ad affrontare un pubblico e lo fa da uno spazio deputato → lo spazio scenico.

La sedia
   Ci si siede con espressione neutra: è possibile? No, è impossibile non comunicare.

Le scarpe magiche
   Lo spazio è magico, quando e si dentro tutto è possibile. Le scarpe sono la chiave per comprendere il concetto, per dare una spinta a liberarsi dalle proprie inibizioni.

Entrare con motivazione
   Attraversare il palco con diverse emozioni.
  • un posto mai visto prima
  • sei innamorato /perdutamente
  • al lavoro ti aspetta una giornata noiosissima
  • a scuola ti è andato tutto male
  • devi tornare a casa ma non ne hai voglia
  • è tardissimo: tutti dormono e non devi svegliare nessuno
  • è buio, vedi appena una piccola luce lontana davanti a te
  • sei in ritardo ad un appuntamento
  • sei in grave ritardo ad un appuntamento molto importante
  • sei volutamente in ritardo ad un appuntamento
  • sei in anticipo
  • laggiù ti sta aspettando una persona cui tieni molto
  • laggiù c'è il tuo peggior nemico
  • laggiù c'è qualcuno che forse conosci
  • laggiù c'è qualcosa di strano
  • qualcuno ti sta pedinando
La bolla di potere
   Immaginarsi dentro ad una bolla. Accorgersi degli altri e difendere la propria fisicità. Imparare a muoversi e trovare il proprio posto.

Comporre lo spazio
   Dopo aver compreso il modo in cui collocarsi all'interno dello spazio nel rispetto degli altri ci si divide a gruppi. Ogni gruppo prepara un breve scambio di battute in cui il numero di esse è legato al numero di personaggi in scena. Finito lo sketch gli attori rimangono immobili ed insieme si analizza se si è compreso 'lo stare in scena'

Conclusione: Il tuo modo di porti rispetto agli altri
   In cerchio e rilassati: Fai un respiro e getta fuori tutta l'aria... cerca di liberare la mente da ogni pensiero disturbante e concentra l'attenzione sui muscoli del corpo che lentamente si rilassano, visualizza la fronte, i muscoli delle mascelle, la lingua, e gli occhi mentre si distendono e si rilassano. Visualizza i muscoli del collo delle spalle cerca di lasciarti andare... rilassa le braccia, le mani, visualizza ogni muscolo del torace e dell'addome mentre si rilassa e si distende. Cerca di sentire tutti i muscoli del corpo in completo rilassamento. La tua respirazione è regolare, inspira ed espira, ogni volta che espiri ti sentirai sempre più rilassato ispira ed espira con l'aria esce tutta la tensione. Ad ogni respirazione ripeti dentro di te la parola "calma".
¾ minuti per il rilassamento
   Cerca di recuperare dalla memoria un classico momento di lezione, in cui hai provato un particolare stato d'animo, cerca di osservarti dall'esterno un tuo atteggiamento corporeo, l'espressione del viso, il contatto oculare con i tuoi studenti e la distanza interposta tra te e loro.
¾ minuti per l'immedesimazione
   Ora analizza come i vari esercizi fatti oggi, come la comprensione dello spazio scenico può esserti utile. Ti senti quindi rinforzata e sicura.
¾ minuti per l'immedesimazione
   Ora muovi i piedi, le mani, allunga le braccia, fai un respiro profondo, lentamente apri gli occhi.

   Conclusione: ogni partecipante dirà le proprie sensazioni e che tipo di situazione ha visualizzato e quale emozione ha provato.



Emanuele Morandi
Posta un commento