martedì 29 novembre 2011

L'Artistico Impertinente - Il lieto epilogo

   Nella giornata del 29 novembre 2011 si è concluso ufficialmente il primo anno dell’Artistico Impertinente, il laboratorio di integrazione multidisciplinare, atto anche all’integrazione degli studenti diversamente abili. Il laboratorio, tenuto da Emanuele Morandi, professionista del Teatro Impertinente si è svolto nell’anno scolastico 2010-2011 presso il Liceo Artistico di Imperia Oneglia; progetto in rete destinato a rinnovarsi quest’anno e forse anche per i prossimi anni con sempre maggiore successo.
   I ragazzi appartenenti al corso 2010-2011, hanno oggi dato l’addio a questo percorso, chi per iniziarne uno nuovo e chi per prendere altre strade. Durante l’incontro erano presenti (o meglio: partecipanti) anche i Dirigenti Scolastici Beatrice Grossi (del Liceo Artistico) e Elisabetta Bianchi (del SMS N. Sauro) e molti dei professori di sostegno che sono stati o saranno implicati nell’Artistico Impertinente, che quest’anno ha un’adesione altissima anche presso altri istituti scolastici.

   Qui di seguito, il video riassuntivo dell’esperienza dello scorso anno.





domenica 27 novembre 2011

L'EDUCATORE IMPERTINENTE - Parte il secondo Corso di Formazione di Educazione alla Teatralità

Dopo il successo dello scorso stage il Centro Studi Cooperativa Sociale La Fenice in collaborazione con  il Teatro Impertinente
organizza il secondo corso di aggiornamento di 
Educazione alla Teatralità 
rivolto agli educatori professionali e agli operatori sociali che desiderino migliorare le proprie disponibilità comunicative e relazionali, applicandole alla loro quotidianità lavorativa e investendo così nella qualità del proprio lavoro, nel modo di interagire con gli altri e con se stessi.

16-17-18 Dicembre 2011

presso il Circolo Arci Handala, in via Mameli 9, Imperia


Per maggiori informazioni e per chiedere il modulo di iscrizione scrivete a:

Non esitate, siate Impertinenti!




Emanuele Morandi

venerdì 18 novembre 2011

L'Educatore Impertinente - Il resoconto di Isabella Biscaglia

Primo giorno, primo minuto. Prima “3 giorni”.

Sette persone, tutti adulti, assai diversi tra loro. Si conoscevano a gruppi di due o tre, e avevano l’espressione di chi sa di essersi infilato in un esperimento, e in qualche modo si compiace di non sapere minimamente cosa lo aspetti. Certo si saranno anche chiesti, in quel primo momento, se i loro soldi sarebbero stati spesi bene: di fatto, i più giovani del corso eravamo io, assistente, ed Emanuele Morandi del Teatro Impertinente. Proprio il professionista che ha tenuto il corso al Centro Studi La Fenice.
In questa strana situazione cominciò la prima “3 giorni” di quella che promette essere una lunga serie. E continuò poi in modo ancor più singolare.
Per cominciare prendete queste persone adulte: chi lavora all’Anffas di Sanremo, chi si occupa di ragazzi difficili, chi è professore (non di ruolo) ad una scuola superiore o chi è “semplicemente” madre. Metteteli intorno ad un tavolo con un foglio, ma non un foglio di quelli normali.
Un foglio strappato.
Emanuele Morandi
Che sommato a dei pennarelli ha prodotto un gruppo di sette adulti intenti ad immaginare e disegnare in modo non dissimile a quello dei bimbi dell’asilo, ma a differenza loro senza il limite del foglio rettangolare o di “maestre” che non vogliono che colori la pelle arancione perché la pelle è rosa, chissà poi per quale legge divina. Bruno Munari insegna.
Immaginate poi questi sette adulti-bimbi nelle varie giornate, ad esempio muoversi per una stanza irta di pericoli alla ricerca di una scatola contenente il proprio sogno, sulle note del “Peer Gynt” di Edvard Grieg. Oppure ancora a raccontarsi tra loro per poi interpretarsi vicendevolmente, o magari solo far finta di essere galline in un pollaio con un gatto che entra o ancora dei samurai in mezzo ad una battaglia campale oppure in una tribuna politica come rappresentanti di partiti più o meno probabili o anche…

mercoledì 16 novembre 2011

Da oggi la Cooperativa Sociale La Fenice per i minori a rischio ha il suo sito web


   IMPERIA. Per la Cooperativa Sociale La Fenice di Imperia è stato raggiunto un obiettivo importante nel nostro cammino: la creazione di un sito internet sia per la Cooperativa Sociale La Fenice che per il Centro Studi. 

www.cooperativasocialelafenice.com
www.centrostudilafenice.com

   Ricordiamo che La Fenice si occupa da 10 anni di minori a rischio.
L'azione educativa, pedagogica, sociale, politica della cooperativa si è tradotta e si traduce concretamente nella progettazione e gestione di: comunità educative per adolescenti e servizi territoriali alla persona e alla famiglia.

Il sito per noi non è solo un modo per farci conoscere ma anche un metodo per rendere un servizio alla comunità dando il nostro contributo al dibattito culturale sui temi dell'infanzia, dell'adolescenza e più in generale del disagio esistenziale e sociale”.

martedì 8 novembre 2011

La seconda sezione Impertinente

Teatro Formazione e Teatro d’Impresa


   Per formazione si intende un tipo di percorso che non va a definire, ma a ridefinire punti di vista, modi di relazionarsi e di sentire, partendo con un’analisi base del concetto onde svuotarlo di ogni significato superfluo e ripartire da zero, con nuove basi più snelle e solide perché flessibili.
   Corsi pensati per i lavoratori in genere e soprattutto per chi lavora in gruppo, nel campo del sociale e della relazione d’aiuto, attraverso percorsi sia teorici che pratici in cui è fondamentale l’acquisizione di più precise tecniche relazionalie la loro sperimentazione già nel gruppo stesso.
   Sono questi i percorsi dal carattere autocritico più forte, perché pongono l’accento sul rendere maggiormente consapevoli e ancora più responsabili persone che sono anche professionisti.



Isabella Biscaglia

venerdì 4 novembre 2011

Dramatopedia - Al Dams, da non perdere.

Il Teatro Impertinente è lieto di presentarvi: 
Dramatopedia
Spunti di storia, etica e poetica per il teatro della scuola
di Claudio Facchinelli

Il libro sarà presentato al DAMS di Imperia (aula D)  
alle ore 11 di giovedì 17 novembre
durante l'ora di drammaturgia tenuta dal Professore Roberto Trovato

   L’autore, uomo di scuola e di teatro, ha coniugato l’esperienza didattica con quella teatrale, acquista negli anni Settanta come assistente alla regia con Orazio Costa Giovangigli e Lamberto Puggelli, promuovendo istituzionalmente l’attivazione di laboratori teatrali nelle scuole quale strumento di prevenzione del disagio giovanile.
Edizioni Corsare, Perugia, 2011, € 10
   Saggista, giornalista e critico teatrale, ha pubblicato su riviste specializzate, specie nell’ambito del teatro di ricerca e del sociale, e ha tradotto e curato testi sul teatro della scuola. 

   Ha collaborato con la Rai ed ha partecipato come relatore o docente a iniziative promosse da enti locali, provveditorati, ministeri, università e presso la scuola d’arte drammatica “Paolo Grassi”.
 
   Dramatopedia intende offrire uno strumento di lavoro ai docenti e agli operatori teatrali interessati ad affrontare, nella scuola, l’esperienza del teatro, favorendo una progettazione e conduzione coordinata fra le due figure. 
   A tale scopo fornisce informazioni storiche e normative, ma specialmente indicazione di lavoro e spunti di riflessione, per lo più sostenuti da esempi, che l’autore ha tratto da una lunga esperienza sul campo, come spettatore, come formatore, come pubblicista e saggista. 
   Non intende proporre ricette, né soluzioni preconfezionate, bensì presentare i vari problemi in modo critico ed aperto.



Emanuele Morandi

martedì 1 novembre 2011

L’Educatore Impertinente

Corso di formazione ed Educazione alla Teatralità di primo livello

   Il Centro Studi Cooperativa La Fenice, in collaborazione con il Teatro Impertinente, propone un progetto di educazione alla teatralità rivolto agli educatori professionali e agli operatori sociali che desiderino migliorare le proprie disponibilità comunicative e relazionali, applicandole alla loro quotidianità lavorativa e investendo così nella qualità del proprio lavoro, nel modo di interagire con gli altri e con se stessi.

   Ogni partecipante arriverà a poter apprendere tecniche  teatrali  di base finalizzate alla crescita e a  migliorare l'approccio educativo in contesti di disagio fisico e psichico.

   L'attività sarà strutturata in moduli completi di tre giorni ciascuno, per la durata di almeno 20 ore a modulo.

   Il primo modulo di base è previsto per i giorni 16, 17, 18 dicembre 2011 sulla base di particolari tematiche e necessità evidenziate.

Il corso si terrà presso il Circolo Arci Handala, in via Mameli 9, Imperia.
Questa sede, che è un valore aggiunto all'interno della nostra offerta, è una realtà completamente voluta, progettata e gestita da immigrati e testimonia la possibilità di un pieno inserimento di tutti coloro che vengono a vivere e a lavorare in Italia.

Per maggiori informazioni e per chiedere il modulo di iscrizione scrivete a:
teatroimpertinente@gmail.com
centrostudilafenice@gmail.com

   Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 12 dicembre 2011 via mail (centrostudilafenice@gmail.com) o via fax (0183 61463).

Al termine verrà rilasciato un attestato certificante le ore di formazione valido ai fini del riconoscimento crediti.



Emanuele Morandi