venerdì 28 novembre 2014

TERRA DURA presenta PLOP

   Quando l'arte e l'artista si con-fondono: PLOPHART è la mostra d'arte che troverà luogo durante TERRA DURA il 30 novembre 2014, a Imperia presso il Centro Sociale La Talpa e l'Orologio in Via Argine Destro 625, a partire dalle ore 15:00.
   E quindi niente di meglio che lasciare si presenti. E non in modo classico: niente nome e cognome, solo chi e cosa sia l'art-artista.
A voi: PLOPHART

Chi è PLOP?
Nacqui il 14/05/2012 a San Lorenzo al Mare, nel pomeriggio.
Quel giorno, col mio fedele suddito, andammo in uno spazio affacciato sul mare, dal suo zaino tirò fuori un cartone telato, dei colori ad acqua e un pennello.
Sulla tela mi chiese di dipingere quello che c'era davanti a me: la prima sensazione che provai fu molto positiva: dipingendo mi divertii molto, sembrava che la pittura utilizzasse la mia mano come mezzo per esprimersi sulla tela.
Dopo quella giornata, in seguito, ho voluto ampliare il discorso.
Man mano ho preso sempre più confidenza con la pittura; mi piaceva e mi piace inserire colori accesi, come il rosso o il giallo e il nero.
Il nero è un colore molto presente nei miei quadri perché a secondi dove e come lo metti fa risaltare il soggetto che voglio rappresentare, oppure, se non faccio attenzione, me lo mangia (da vedere). Molto bello è stato provare diverse tecniche di pittura, tipo la bomboletta di vernice con gli stencil. Anche con il colore a olio ho fatto un quadro e devo dire che non mi aspettavo il bel risultato finale.
Quando ho pensato al nome PLOP mi è venuta immediatamente in mente una goccia molto densa di pittura che dal pennello scende, urta contro la tela, e fa PLOP. È un nome ambiguo.
In questi 2 anni, ho realizzato circa una trentina di opere e ho appreso che ogni quadro è paragonabile a un bambino, ha bisogno di molta attenzione, lo devi osservare a ogni pennellata, ogni linea o punto può essere l'elemento fondamentale per lo sviluppo dell'opera.
Poche volte mi è capitato di dipingere osservando dal vivo. Preferisco lasciarmi trasportare e lasciare al destinatario che osserva una proprio visione e interpretazione dell'opera.
Dipingere mi diverte molto e spero che questo accada ancora per molto tempo, in modo da poter evolvere le mie idee all'infinito...

Posta un commento