venerdì 5 dicembre 2014

Il Teatro Evolutivo by Irene Curto


Teatro Evolutivo
La recitazione come via per la consapevolezza di Sé

   
Perché esiste la recitazione? E, soprattutto, a cosa serve?
   Sono le due domande sulle quali si basano molte attività della Associazione Crisopea e soprattutto del Teatro Evolutivo di Irene Curto.
“Tratto caratteristico dell’uomo raffinato è la capacità di recitare alla perfezione qualsiasi parte egli voglia nella sua vita esteriore, mentre interiormente si mantiene Libero.”   - G.I.Gurdjieff   
   Questo uno dei possibili motti del Teatro Evolutivo, ma lo scritto seguente, di Irene Curto, renderà una maggiore idea della filosofia della scuola.

   Io chi sono? - by Irene Curto del Teatro Evolutivo
   Chi si pone questa domanda all’interno di me e soprattutto chi è che risponde?
   Finché non riesco a trovare e a sentire dentro di me, con una certa sicurezza, il riecheggiare di una risposta abbastanza soddisfacente a questa domanda, non si può parlare di vera recitazione.
   Posso recitare un ruolo solo se so chi sono aldilà di quel ruolo, altrimenti non sono un attore, sono un burattino nelle mani del “Dio della Meccanicità”.
   Nel Teatro Evolutivo si impara a diventare veri Attori. La differenza sostanziale tra la nostra filosofia e quella del teatro più tradizionale (escluse le dovute, ma rarissime, eccezioni) è che nella nostra Scuola l’impegno primario è quello di diventare qualcuno che recita.
Irene Curto
del Teatro Evolutivo
   L’Attenzione è quindi Focalizzata primariamente sull’allievo, su Chi è, e chi Sogna di Essere…
   La presenza interiore, l'io sono, il rimanere costantemente consapevoli di noi stessi, è ciò che ci permette di accedere al mondo del sacro, dell'Arte Divina, del mondo trans-personale.
   Nel teatro evolutivo la visione della realtà è ribaltata di 360 gradi! La verità eterna sta nella bellezza dello spirito!
   Il Teatro è in crisi proprio per questa malattia sociale: cerchiamo di spiegare, di descrivere mentalmente i nostri conflitti, di analizzarli, di incasellarci, senza mai prendere consapevolezza della nostra vera identità!
   Noi siamo l'oltre!
   Siamo l'infinito! Siamo lo spazio tra un respiro e l'altro, siamo il silenzio, l'ascolto, il vuoto, il nulla, l'Assoluto, il Divino, la luce, la trasparenza, la bellezza!
   Dov'è tutto questo nel teatro? Dov'è tutto questo nella nostra società?
   Il mondo è popolato da divinità in stato di amnesia, ecco ciò che vedo! E la mia missione è, e rimarrà sempre, quella di ricordarvi la vostra divina origine!
   Il Vero Attore è un individuo libero e consapevole della verità del suo essere! Un attore, lo dice la parola stessa, è “colui che agisce”.
   Ci sono almeno tre modi per intendere questa parola. Nel primo si confonde l’Azione con la reazione meccanica.
   [Questo] è il mondo degli Attori Inconsapevoli. Tutti quanti lo siamo, o lo siamo stati… Ovviamente in questo campo è difficile che ci sia Arte, l’Arte non può essere partorita dalla meccanicità.
   Nel secondo l’Azione implica l’esistenza di un soggetto che compie l’Atto;  a questo punto si può parlare di vera Recitazione, di libero arbitrio e di libertà in generale.
   Se c’è un Io che dirige allora si inizia a comprendere cosa vuol dire recitare.
   Nel terzo modo sparisce anche colui che agisce e rimane solo l’azione pura, Estetica e Divina. Qui si parla di Attore Illuminato. L’Attore si unisce al Creatore.
   Le attività artistiche come il canto, la pittura, la musica, il teatro, la danza… in origine erano tutte manifestazioni ordinate e cerimoniali finalizzate a contattare il mondo dello Spirito, del fuoco e del sacro. Arrivati ai giorni d’oggi tutto questo si è perso, in favore della necessità dell’essere umano di esprimersi e di far sentire la sua voce, distinta da quella dello Spirito. L’espressione di sé va benissimo, trovo che sia uno dei temi principali e una delle tappe fondamentali della realizzazione di un individuo, ma la Creazione Artistica è un’altra cosa.
   Per Creare devo fare uno sforzo consapevole, devo intenzionalmente focalizzarmi sul contattare il mondo del Fuoco, sull’Innalzare me stesso verso il Divino.

Qui, i link al gruppo FB e alla pagina FB della scuola.
Posta un commento