venerdì 19 dicembre 2014

Ti racconto una storia - il nuovo corso del Teatro Impertinente

Ti racconto...
il nuovo corso del Teatro Impertinente

   La favola ha un ruolo chiave nella crescita dei nostri figli, da sempre. Ma, se la sua importanza non è da mettere in discussione, il modo in cui la si narra sì. C'è modo e modo di raccontare una storia, ai bambini e non solo.
   Proprio per questo è nato “Ti racconto una storia. Corsi sull'arte delle letture per le scuole” inserito dai corsi proposti da Il Teatro Impertinente a cura dell'educatore alla teatralità Emanuele Morandi in collaborazione con Cinzia Balestra dell'Associazione Musicale Amadeus
   Il corso si propone di dare nuovi strumenti ad insegnanti, professionisti e tutti coloro che, operanti nel settore dell'insegnamento, si trovano a contatto con un testo da raccontare o, potremmo dire, “da recitare”. Il mezzo teatrale, infatti, è la chiave di volta per “mettere in suono” un testo, attraverso l'uso della voce, del corpo, della gestione delle pause e molto altro.
   Attraverso la collaborazione con la musicologa Cinzia Balestra dell'Associazione Musicale Amadeus, inoltre, sarà possibile indagare i rapporti sottesi tra la parola e la musica, indagando i vari significati insiti nella musica stessa affinché possa diventare elemento di completamento “intimo” al testo ed ulteriore momento di crescita personale dell'ascoltatore, il quale, perché no, può anche essere coinvolto direttamente a livello musicale, durante la narrazione. Il Teatro Impertinente si propone anche di fare letture animate.
   “Il nostro obiettivo principale” dice Emanuele Morandi, “è quello di motivare i più giovani alla lettura; è opinione diffusa che i ragazzi non amino leggere, o siano distratti, lontani dalla narrativa, fortemente attratti da altre argomentazioni informatiche e mediatiche. Ma è davvero così? Siamo convinti che basti un giusto approccio per coinvolgere nel meraviglioso mondo letterario anche i più ostici e refrattari. Un percorso educativo che se coadiuvato da genitori e da insegnanti porta ad un risultato senza dubbio positivo. Un primo passo è, senza dubbio, quello di incoraggiare e appassionare i giovani alla lettura, attitudine che si può formare solo proponendo ai ragazzi testi che li coinvolgano e li avvicinino ad un mondo altrimenti troppo distante.

Se siete una scuola, un ente o un'associazione e siete interessati non esitate a contattarci!


Isabella Biscaglia


teatroimpertinente@gmail.com
Tel.: +39 347 637 5458
E per avere una panoramica sulle attività svolte con le scuole clicca qui; per una panoramica sulle attività di formazione clicca qui.

Posta un commento