martedì 16 giugno 2015

Teatro in quota - tour in vari rifugi montani

  Progetto vincitore del bando “Torino e le Alpi 2015”

(S)legati è una storia vera. È una storia di alpinismo estremo.
È una storia di sopravvivenza.
È la storia di un impresa. È la storia di un amicizia.

   Il progetto del Teatro Ratatok Teatro in quota nasce dalla collaborazione tra Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi (a loro volta in collaborazione con Eva Cambiale e Carlo Orlando) un itinerario teatrale in 10 tappe in altrettanti rifugi montani, per promuovere e presentare lo spettacolo (S)legati, che ad oggi ha realizzato oltre cento repliche in Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. La rappresentazione è affiancata da un laboratorio teatrale rivolto sia ad amanti del teatro che della montagna, che non necessita di abilità teatrali o alpinistiche pregresse, e sempre coronato da una merenda teatrale: un sorta di racconto collettivo dell'esperienza svolta intrecciata a letture e racconti che avranno come temi storie, miti e leggende di montagna.
   Ciliegina sulla torta? L'unica parte a pagamento di Teatro in quota è il laboratorio: sia che duri 2 o 4 giorni, il costo è di soli 40euro!

Clicca per vedere meglio il calendario
   Nel dettaglio...
   Il laboratorio


È la metafora di una storia d'amore.
È una storia d'amore: per la vita, per l'uomo, per la montagna.
È un monito di insegnamento per quando dobbiamo affrontare difficoltà che sembrano insormontabili.

   Il laboratorio “Teatro in quota” è strutturato in due moduli differenti, a seconda della durata che potrà essere di due o quattro giorni. Sono rivolti ad un massimo di 10/14 partecipanti e non ci sono limiti d'età. Non è necessario avere già esperienze teatrali.
   Ogni giorno di lavoro dura 6 ore: dalle 10.00 alle 13.00, con pausa pranzo dalle 13 alle 14, e dalle 14.00 alle 17.00. Nel laboratorio di due giorni attraverso giochi ed esercizi teatrali i partecipanti avranno modo di conoscere e praticare i principi base dello “stare in scena” lavorando sul tema della relazione, tema principale dello spettacolo “(S)legati”, come sulla relazione e ascolto consapevole del proprio corpo e della propria voce, e con la relazione e ascolto del gruppo e dello spazio. Nello spirito del gioco e del divertimento si percorre un breve ma divertente cammino sul sentiero del teatro. 
Nel laboratorio di 4 giorni vengono proposti anche esercizi di improvvisazione, di drammaturgia e scrittura creativa. Miti, favole, leggende e storie di montagna costituiscono questo nucleo tematico.

È la storia di un impresa eroica, impossibile, sovrumana ma anche profondamente
umana.
È una storia piena di ingredienti: gioia, dolore, coraggio, paura, coscienza,
incoscienza, morte, vita: perfetta per il teatro.
È una storia così vera, ma così vera....da sembrare finta: perfetta per il teatro. Per
l'arte tutta.

   La Merenda Teatrale
   La “Merenda Teatrale” aperta gratuitamente al pubblico rappresenta il momento di condivisione, conclusivo dei laboratori e, più in generale, dell'intera esperienza “Teatro in quota”. La montagna diventa quindi soggetto di un atto comunicativo e creativo, in un clima raccolto e intimo, dove ci si tiene compagnia con i racconti o anche semplicemente con l'ascolto del silenzio, con i prodotti forniti dai gestori del rifugio.

E questa è "solo" la storia...in teatro poi ci siamo noi: Mattia e Jacopo.
Che siamo amici. Tanto.
A raccontarvela.

Ulteriori info
teatroinquota@gmail.com
Pagina FB di Teatro in quota
Blog di (S)legati
Programma in www.teatroinquota.it


Posta un commento