venerdì 10 luglio 2015

Resoconto Sfera Dinamica

   Quando stai imparando un'altra lingua, la prima cosa che fai è creare parallelismi tra parole e significati: "dog" significa "cane", "cat" invece "gatto". Prima di associare direttamente l'animale alla parola della lingua straniera la associ alla tua.
   Con Sfera Dinamica non ho fatto diversamente.
   All'inizio.

Sfera Dinamica
(o gita su Marte)

   La danza Contact Improvisation è legata storicamente all'Aikido. Steve Paxton, fondatore della CI ha praticato molto questa arte marziale giapponese. Altri danzatori come Collenn Snell hanno tratto dei gran benefici dalla pratica dell'Aikido.
   Ma io non ho mai danzato, e non sono aikidoka.
   Il disorientamento ha toccato l'apice ancora prima di iniziare lo stage: nella palestra tutti gli altri partecipanti erano distesi per terra. Minuti e minuti schiena a terra. Aspettando?
   Ho iniziato ad imitarli per capire perché non stessero riscaldandosi le articolazioni. Poi i dubbi sono diventati altri: come vestire sia dell'Aikido che il Contact.

Per avere una vaga idea di Sfera Dinamica, qui il video di un workshop di CI con Linda Bufali

 
   Linda Bufali ha condotto i due pomeriggi di Contact Improvisation, per lei gli ennesimi di una lunga serie: già danzatrice, nel '98 ha incontrato la CI, per la quale ha seguito una formazione decennale prima di iniziare a diffonderla dal 2008. Ma ancora non le era capitato di organizzare una due giorni con un insegnante di Aikido. Filippo Serra inoltre lavora alla Deutsche Oper Berlin.
   Le potenzialità di tale situazione hanno iniziato a manifestarsi il secondo giorno, quando i due conduttori hanno capito come sinergizzare le due pratiche: la gestione del peso e dello spazio fatta al mattino nell'Aikido è tornata al pomeriggio, non più incanalata nella necessità delle arti marziali ma liberata in una danza vigile e creativa.
   Necessità liberata è il succo che potrei trarre dalla Sfera Dinamica, il nocciolo di tutte le domande seguenti e delle ultime ricerche di Jigoro Kano, fondatore del Judo: tra i pianeti della danza e delle arti marziali (o sport derivati quali il Judo) c'è questa sfera dinamica, che è la necessità [di movimento, crescita, evoluzione ecc.] liberata [dai freni estetici, formali, da giustificazioni, dalla logica ecc.]. Il proprio personale (e completo) Tao.
   Tornando sulla terra: tutto ciò che è multidisciplinare e/o contaminato è qualcosa che molto più facilmente può ricondurre a questo proprio motore centrale, dal quale attingere senza pregiudizi per spaziare. Metaforicamente nel senso di sperimentare, chiedere, darsi respiro e confrontarsi, letteralmente nel senso di dilatare, ossia di avere il coraggio di distribuire i propri -anta chili con i chili dell'altro, in modo unito ed armonico.
   Il Contact è come l'Aikido: si danza in due o più, ma "quello che porta" non è nessuno dei danzanti. "Quello che porta" è la Sfera Dinamica che è e contiene tutti loro.


Isabella Biscaglia


    Lo scorso articolo
Posta un commento