venerdì 27 novembre 2015

OPEN DAY - SCENART - LA NUOVA SEDE DI ONEGLIA

Scenart raddoppia
ed il Teatro Impertinente la segue


Si terrà domenica 29 Novembre l'inaugurazione della nuova sede parallela di Scenart, che sarà situata in via Matteotti 201 a Imperia Oneglia, di fronte a Unicredit.
L'inaugurazione a Imperia sarà caratterizzata da un open door, ovvero la presentazione della sede con lezioni di prova gratuite: alle ore 15 sarà la volta di Yoga con la docente Martina Ghiazza; alle ore 16 sarà la volta della Danza Libero Espressiva sviluppata da Emanuele Morandi e Silvia Chiesa del Teatro Impertinente.
La Danza Libero Espressiva è un corso di perfezionamento espressivo specifico per coloro che hanno fatto della Danza la propria passione: quando le parole perdono ogni significato, quando la comprensione avviene a livelli diversi del classico dialogo, quando la forma diventa arte, lì nasce la performance. Oltre la tecnica, oltre la pulizia del gesto, oltre la figura e il movimento, c’è l’espressione, il comunicare, l’esserci in quello che si fa. Il percorso intende lavorare sui limiti della propria corporeità, della propria mente e della propria percezione, e sul concetto di cambiamento. Questo è uno dei corsi di punta del Teatro Impertinente, che ha avuto modo di svilupparlo proprio in seno alla Scenart, con la conseguente possibilità ora di ampliarne il campo.
Alle 17 Hip Hop l'open day continua assieme alla docente Giorgia Delfino; alle 18 danza contemporanea assieme alla docente Federica Soldano. Infine, l'aperitivo di inaugurazione. Per tutta la prima settimana si terranno prove gratuite per gioco danza (bimbi dai 4 anni e di danza classica.

giovedì 26 novembre 2015

Visita Impertinente a FABBRICA DELL'ESPERIENZA

Fabbrica dell'Esperienza
Una storia lunga due vite in un cantiere

17/10, la mattina dopo aver visto I Promessi Sposi - Opera Moderna, a Milano.
Mi piazzo davanti al vetro di via Brioschi 60, sede di Fabbrica dell'Esperienza, e vedo una grande sala con librerie da un lato, un tavolo con sedie, assi di legno varie, l'apertura di quello che pare un piccolo teatro sulla sinistra. Non penso sia un teatro, nonostante i drappi neri a delimitare quello spazio: il teatro non può essere più piccolo della sala d'entrata, di un foyer.
Teatro Renzo Casali
L' accanto c'è un'officina, mi viene il dubbio di chiedere a loro se dentro la Fabbrica ci sia qualcuno. L'altro magazzino ospitante l'officina lo sento di fatto affollato, non credo di disturbare il lavoro totale chiedendo.
Ma alla fine recupero il numero della Fabbrica da una delle locandine sulla porta d'entrata, chiamo. Sento squillare qualcosa dentro. Una signora compare correndo verso una porta sulla destra, termino la chiamata così lei rallenta perplessa, e io busso tenendo il telefono a vista. Mi nota e viene ad aprirmi.
Non sapevo di aver già incontrato uno dei tre pilastri della Fabbrica, Dora Dorizzi, come non sapevo che le numerose voci che pensavo provenire dall'officina erano quelle degli allievi intenti a ristrutturare la Fabbrica, guidati dagli altri due pilastri Irina Casali ed Alessandro Zatta.
Di solito prendo pochi o nulli appunti, ma quando ho capito il ritmo interno di Irina (velocità ghepardo) sono corsa al quadernino. Nella successiva ora, spostandoci negli spazi della Fabbrica come fossero stazioni, abbiamo fatto un percorso lungo quanto una vita intera ed una in corso.

sabato 21 novembre 2015

Scena Maestra - laboratorio di Formazione del Pubblico


Ass.ne Teatri d'Imbarco – Teatro delle Spiagge Residenza Artistica della Regione Toscana

SCENA MAESTRA TOSCANA
LABORATORIO DI FORMAZIONE DEL PUBBLICO
Un nuovo modello di cittadinanza attiva

Predisporsi a vedere uno spettacolo in modo attivo e consapevole, cogliendo e gustando i linguaggi artistici proposti, i temi affrontati, i risvolti nascosti e le suggestioni che ne derivano, è un’arte parallela e complementare al fare teatro.  Come ogni arte ha bisogno di uno spazio adeguato, di un tempo variabile (ma sicuramente non breve), di incontri che appassionino e creino curiosità, proponendo spunti, tracce, indizi. 
E poi bisogna vedere, vedere e ancora vedere spettacoli di ogni genere, provenienza, impostazione, con la curiosità vivace e l’interesse profondo che un spettatore attivo può scoprire dentro di sé. Formatori e mediatori teatrali di Agita/Casa dello Spettatore  incontrano e affiancano i cittadini interessati nel condividere l’esperienza di spettatore, creando percorsi, scelti nelle programmazioni del Teatro delle Spiagge.

giovedì 19 novembre 2015

Fabbrica dell'Esperienza, bando R-ESISTENZE CREATIVE

TERZA EDIZIONE BANDO AMAPOLA
R-ESISTENZE CREATIVE

Fabbrica dell’Esperienza, dopo il successo dello scorso anno, propone la terza edizione del Bando AMApola R-esistenze Creative in omaggio a Renzo Casali, fondatore della Comuna Baires, gruppo teatrale indipendente che il 5 maggio 2014 ha compiuto 45 anni di storia.
Il Bando AMApola nasce per promuovere la cultura dell'incontro, offrendo uno spazio di lavoro e creazione a 10 artisti o compagnie di teatro, danza, teatro-danza, senza sede, italiani o stranieri, operativi sul territorio milanese, affinché questi sviluppino un progetto di ricerca.

giovedì 12 novembre 2015

SCUOLA & TEATRO IN TOSCANA a Firenze il 18 novembre 2015


Rete Toscana di Teatro Educazione
e
Fondazione Toscana Spettacolo onlus


SCUOLA & TEATRO IN TOSCANA
esperienze, confronti, prospettive

Firenze, 18 novembre 2015 dalle ore 16 alle ore 20
Auditorium Sant’Apollonia (via San Gallo 25 – Firenze)

Destinato a...
I dirigenti scolastici e gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado della Regione Toscana e gli operatori teatrali impegnati nelle attività formative rivolte al mondo della scuola.

Premesse ed obiettivi
L’incontro nasce dall’indagine sul Teatro Educativo in Toscana, della quale verranno presentati i dati salienti, per proporre un progetto pilota che metta al centro le attuali connessioni del mondo del teatro e del mondo della scuola. Verranno valorizzate le forme di collaborazione fra docenti, artisti e operatori teatrali sia nell’ambito del fare e sia nell’ambito del vedere teatro con gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.
L’incontro favorirà la programmazione di appuntamenti in ciascuno dei territori coinvolti per promuovere nuove forme di progettazione relative ai laboratori, alle rassegne, alla formazione degli insegnanti e degli operatori.

giovedì 5 novembre 2015

Il Teatro Impertinente invitato all'Arcimboldi per I PROMESSI SPOSI - testo e regia moderni di Michele Guardì

I PROMESSI SPOSI
come li abbiamo visti (e parlati)

Elena Spadola all'Arcimboldi,
poco prima che la sala si riempisse.
Sì, ci hanno invitati proprio a "I Promessi Sposi - Opera Moderna", lo spettacolo dei record con la regia di Michele Guardì e le musiche di Pippo Flora. In programma al Teatro degli Arcimboldi dal 2 al 25 ottobre che per Expo 2015 ha ripreso la tournée italiana proprio dal capoluogo lombardo. Quello che si è presentato al pubblico con una veste rinnovata grazie anche a Luciano Cannito che ne ha firmato per la prima volta le coreografie. Quello.
Dal 16 ottobre, da che l' abbiamo visto io ed Elena Spadola, sono passati più di dieci giorni. Tanto tempo ci è voluto per metabolizzare e finire l'arci-articolo. Avevamo capito avremmo avuto questi tempi già dal quarto d'ora di pausa tra un atto e l'altro: tanti elementi della regia e recitazione di cui parlare, tanti dubbi da chiarire (con la nostra formazione impertinente ne abbiamo sempre), tanti appunti da farci per le interviste da far dopo, guidate dal gentilissimo staff del Teatro degli Arcimboldi.
E quindi per gradi: spettacolo ed interviste!

lunedì 2 novembre 2015

"La gatta parlante" di Mariafranca Lepre - Si chiude il ciclo di Aperitivo con l'Autore

LA GATTA PARLANTE
una promessa è una promessa

"Temo che gli animali vedano nell’uomo un essere loro uguale che ha perso in modo estremamente pericoloso il sano intelletto animale: vedano ciò in lui l’animale delirante, l’animale che ride, l’animale che piange, l’animale infelice".
 - cit. Friedrich Nietzsche

"La gatta parlante" di Mariafranca Lepre (ed. L'Età dell'Acquario) passeggia regale ed elegante chiudendo il ciclo autunnale di Aperitivo con l'Autore, un'iniziativa della Libreria Mondadori di Imperia, sostenuta dall'ArteCafè e dal Teatro Impertinente.
Mariafranca Lepre, una riccia classe 1957. Laureata in lingue straniere moderne, diplomata in naturopatia, istruttrice di canyoning, non ha ancora deciso cosa fare da grande. Per il momento dà una mano nel negozio di strumenti musicali del fratello.
Si è lasciata convincere a presentare il suo primo libro nonostante non ami mettersi in mostra, perché, come mi ha confidato, si ritiene una donna selvatica. Infatti è la professoressa Nicoletta Sasso, che presenta il libro insieme all'autrice, a rompere gli indugi e a condurre il pubblico dentro la lieve e delicata storia della gatta Munie e della sua padrona.