giovedì 25 febbraio 2016

La Scuola del Fare - le molte attività

La Scuola del Fare
L'associazione culturale che richiama artisti di livello internazionale


Uno dei laboratori di Segni Mossi
Presso LA SCUOLA DEL FARE il Teatro Impertinente ha potuto intervistare Segni Mossi, realtà girovaga che unisce danza ed arti figurative. Ma questa associazione nata nel 1995 si impegna ogni anno a richiamare artisti internazionali, mantenendo l'attenzione su quelli locali, come Roberto Pittarello, figura creativa motivo della fondazione di questo luogo che fa proposte di scuola attiva, accreditate per la formazione del personale scolastico.
La sera che abbiamo conosciuto Segni Mossi, nella sede della Cinderella School of Ballet, abbiamo potuto parlare a lungo anche con la presidente Elia Zardo. Una persona dalla carica travolgente, ma con una curiosità spiccata. Esattamente ciò che serve per un ente senza scopo di lucro che promuove iniziative di istruzione, aggiornamento e formazione per i docenti delle scuole di ogni ordine e grado, oltre che iniziative di educazione e formazione culturale per bambini, giovani e adulti.

lunedì 22 febbraio 2016

STAGIONE SPAZIO CALVINO - diretta da Eugenio Ripepi


Lo Spazio Calvino rivive
con la stagione diretta da Eugenio Ripepi

Dal 23 febbraio inizia la STAGIONE SPAZIO CALVINO, in via Nizza 8 a Imperia, dedicata al teatro, alla letteratura, alla musica ed al cinema.
Il tutto è stato organizzato dall'assessorato alla Cultura di Imperia e dalla SPU, con la direzione artistica di Eugenio Ripepi il quale, senza chiedere nulla in cambio, ha messo insieme una ricchissima serie di martedì culturali gratuiti, ed ad ingresso libero. Pertanto è consigliabile prenotare! Telefonando al 339/8408321.

giovedì 18 febbraio 2016

Il Teatro Impertinente nelle comunità minorili

Per un Teatro di Comunità Impertinente

Fin dalle sue origini il Teatro Impertinente ha portato il suo potenziale al servizio di situazioni di disagio, emarginazione e malessere. Rivolgendosi in particolare agli adolescenti ha costruito percorsi mirati incentrati sulla teatralità e il gioco di maschere, ruoli e situazioni.
Si tratta di iniziative sviluppatesi nel progetto Educazione Creativa per Comunità presso le comunità del Centro Studi Il Grifone tra il 2014 e 2015; e ancora tra 2015 e 2016 i corsi studiati per le esigenze del centro L’Albero Magico (Arma di Taggia, Im), o l'inserimento del M.A.T. nelle attività della Cooperativa Sociale Hesperos.
Comunicazione ed espressione come grandi tematiche trainanti proprio perché molto vicine ai bisogni reali e all’urgenza degli adolescenti.

martedì 16 febbraio 2016

STARDUST - la musica non è solo il Festival

S*T*A*R*D*U*S*T
20-21 febbraio in musica con
Christian Gullone e Valentina Di Donna
Le vere stelle sono solo i puntini più belli dell'universo



Nel week-end tra il 20 e 21 febbraio vi sarà S*T*A*R*D*U*S*T, alla Scuola di Danza Portosole a Sanremo, entrambi i giorni dalle ore 10 alle ore 18, con Christian Gullone e Valentina Di Donna. Lui cantattore (sì, con due "t") e lei attrice e performer da lungo tempo impegnati nella città della musica e dei fiori in attività artistiche.
Stardust è un metodo che mescola l'azione scenica performativa all'interpretazione di una canzone. Non solo tecnica ma anche cuore, presenza e regia dell'evento musicale. Perché cantare una canzone deve essere uno spettacolo per gli occhi e per le orecchie.
2 giorni dove i cantanti potranno mettersi alla prova nella sfida del creare. 2 giorni nei quali i partecipanti andranno a scavare oltre il pentagramma.
Non solo voce, ma anche corpo, emozioni, occhi.
L'artista deve essere presente!
La città del Festival della Musica è tale per il suo spiccato interesse in tale campo: questo workshop si concentrerà sul dare una presenza scenica al cantante, all'accendere la sua stella. Non necessariamente in senso di fama o talento, ma nel senso di passione e cuore: gli unici veri requisiti di chi illumina con la propria energia. Perché...

... le vere stelle sono solo i puntini più belli dell'universo
S*t*a*r*d*u*s*t

Per info e prenotazioni
teatroimpertinente@gmail.com
349 871 6264 (Valentina Di Donna)
329 403 7941 (Christian Gullone)


lunedì 15 febbraio 2016

Il Teatro Impertinente - un nuovo ciclo!


Nulla di impertinente mi è estraneo

Il Teatro Impertinente è un movimento che prende forma nel 2007. Nel 2013 cresce e si espande, arrivando a proporsi come una piattaforma di scambio artistico-culturale. Ad oggi è attivo principalmente su Lombardia, Piemonte, Liguria e Lazio, attraverso attività di teatro contemporaneo, performativo, educativo, formativo, counseling-theatre ed altri tipi di teatri emozionali, di ricerca e contatto. In poche parole quel che ci piace definire Teatro del Sé. Avanti e indietro dentro se stessi, su e giù tra la mente e il cuore, esplorando strade a noi prima sconosciute e perdendoci tra queste per trovare la nostra.

Il Teatro Impertinente si definisce un movimento, in quanto è una rete di realtà e professionalità unite tra loro dall'arte utilizzata come strumento di sperimentazione, formazione, educazione e performance.
Questo linguaggio teatrale-artistico è immediatamente accessibile a tutti nelle sue espressioni corporee non solo perché semplice e quindi immediato, ma soprattutto perché è il punto di unione tra i sogni e le azioni, il mix di cui ognuno di noi è fatto.


giovedì 11 febbraio 2016

Resoconto STEP for THEATRE - per la prima volta la Contact Improvisation in provincia di Imperia, con Nadia Pedrazzini

Il sesto senso: il contatto
Stage di Contact Improvisation con Nadia Pedrazzini
per la prima volta la Contact Improvisation in provincia di Imperia

Nel week-end tra il 30 e 31 gennaio si è svolto il primo stage di Step for Theatre, alla Scuola di Danza Portosole a Sanremo. Dalle 10.30 alle 16.30 con Nadia Pedrazzini si è portata la Contact Improvisation per la prima volta nella provincia di Imperia!
Tale danza si basa sulla gestione del peso: il continuo gioco d'essere sostenuti o sostenere il compagno è il meccanismo primo dell'improvvisazione in questa danza che sorge dall'ascolto, dalla fiducia e dal rischio di dialogare a livello profondo con un altro corpo e un'altra fisicità.
La Contact Improvisation nasce a New York intorno al '65 ed alla figura di Steve Paxton, ed i successivi anni sono dedicati alla sperimentazione e divulgazione della stessa. Nadia Pedrazzini ci ha raccontato della pioniera italiana che da New York si è impegnata a portare tale danza in Italia: Monica Francia. Nadia era tra il gruppo che la ha direttamente aiutata a diffondere la CI, e ci ha raccontato le atmosfere e i luoghi del decennio che lei ed altri hanno dedicato alla divulgazione. Un fase finita, precedente a quella dell'approfondimento e dell'insegnamento.
Il 29 sera le abbiamo detto che saremmo stati i primi a portare la CI nella provincia di Imperia. Ha riso come ha fatto solo davanti alle onde e in un paio di esercizi dello stage che troverete nel video.

lunedì 8 febbraio 2016

L'intervista a SEGNI MOSSI

Tra danza e disegno
SEGNI MOSSI

Il 16 e 17 gennaio presso la Scuola del Fare, nella sede della Cinderella School of Ballet a Castelfranco Veneto (vicino Padova) si è svolto uno dei molti corsi di formazione che SEGNI MOSSI propone soprattutto in Italia e Brasile. Il Teatro Impertinente ha potuto partecipare a gran parte della formazione del 16, avendo anche occasione di intervistare le due personalità di questa realtà: Simona Lobefaro ed Alessandro Lumare.

Simona Lobefaro proviene da una formazione multidisciplinare che ha come perno la danza contemporanea e la performance. Coreografa dei MAddAI, il cui percorso artistico ha sempre messo al centro del discorso l'imprevisto, che conduce a scelte sceniche aperte. Fa parte della compagnia di danza di ricerca Sistemi Dinamici Altamente Instabili. Come formatrice conduce laboratori di movimento per bambini e laboratori di danza di ricerca per adulti.
Alessandro Lumare è un autore di libri illustrati per l'infanzia, formatore artistico ed atelierista con esperienze lavorative come videomaker, danzatore ed operatore socioculturale, anche avendo a che fare con disabilità. La sua ricerca artistica è caratterizzata da multidisciplinarietà e attitudine all'innovazione.

  

lunedì 1 febbraio 2016

Febbraio con la rassegna SATS! de Lo Spazio Vuoto

Febbraio a Lo Spazio Vuoto
per la rassegna
Sats!


Venerdì 5 febbraio alle ore 21.15 continua la rassegna teatrale a Lo Spazio Vuoto di via Bonfante, 37 (Imperia) con IL RITRATTO DELLA SALUTE di Mattia Fabris e Chiara Stoppa, con quest'ultima che impersona la delicata storia di una malata terminale e di come ha passato i suoi ultimi mesi di vita, nel racconto fatto dalla stessa protagonista molto tempo dopo tale scadenza, dopo aver sconfitto la malattia.
Martedì 16 febbaio sempre alle 21.15 la commedia di Willy Russel con Paola Quattrini OGGI E' GIA' DOMANI storia di una casalinga che grazie all'immaginazione (parlando al muro della cucina) trova coscienza della propria prigione domestica e fugge da essa.
Il mese si chiude il 27 Febbraio alle ore 21,15 ed il 28 febbraio alle ore 17.30 con uno dei classici di Samuel Beckett interpretato dagli attori de Lo Spazio Vuoto: FINALE DI PARTITA nella messa in scena premiata e portata fino alla selezione della VII Edizione Festival Beckett, Buenos Aires, nel anno 2012.