venerdì 25 novembre 2016

reportage Il Prossimo Sei Tu - e replica straordinaria il 9 dicembre

in attesa della replica straordinaria del 9 dicembre de
 Il Prossimo Sei Tu
reportage del 29 ottobre e 5 novembre... da paura!

La  Compagnia Il Corvo Bianco  ha proposto ai commensali delle due serate, sfamati da ArteCafé di Imperia, un’indagine tra il mistero e il sovrannaturale, con mostri e creature della nostra tradizione tra i sospettati.
Le due sere si sono concluse entrambe con la corretta identificazione del colpevole… ma con grandi sorprese!
Se volete i dettagli partecipate anche voi alla richiestissima replica straordinaria, il  9 dicembre ! Sempre ore 20 presso il circolo Arci Faustini di Arma di Taggia (via Cornice 4).


Troverete i seguenti mostri: la strega Medea (Elena Spadola), il babau Mario Rossi (Riccardo Etiopia), la gorgone Clitemnestra (Giulia Peano), la lupa mannara Beowulf (Carlotta Fornara) e la vampira Mariarosa Beatrice di Savoia (Eleonora Oliveira). Solo uno di loro si è macchiato le mani del sangue di Nicola Salvo, co-gestore umano di un locale che ospita come clienti sia umani sia mostri, in sere diverse naturalmente. E Berith (Isabella Biscaglia Giancola), il demoniaco investigatore che tutto sa e a cui nessuno può sfuggire, ha escogitato un piccolo gioco: mettere per una volta il mostruoso assassino alla mercé degli umani, anziché il contrario.

Clitemnestra la gorgone fa capolino
by Alex Cinque
Non possiamo non menzionare l’ArteCafè, responsabile del catering di entrambe le date, lo staff dell’ARCI che si è prodigato come supporto in cucina e in sala, e le nostre due spie: Alex Cinque, fotografo, e Maria Biscaglia Giancola, tecnico audio e riprese, che sono stati preziosissimi a raccogliere qua e là frammenti delle teorie del pubblico e riferircele per permetterci di calibrare in tempo reale le nostre strategie per restare su quella finissima linea di confine tra aiutare chi in difficoltà e dar filo da torcere a chi già a buon punto. Vi sembra barare? Siamo mostri, possiamo barare quanto vogliamo!

Queste due serate sono state da una parte il debutto (di buon successo, possiamo dire!) di una nuova trama, ma per noi sono state anche un ritorno alle origini: era dall’alba della prima di Quando Piangono le Cicale il 14 maggio 2016(!) che, per un motivo o per l’altro, non ci mettevano in gioco “in casa”. Un ambiente familiare sì, ma che abbiamo dovuto rivedere alla luce di una diversa disposizione dei commensali e di un maggior contatto con il pubblico nel corso della cena rispetto ad altre trame. 

Al di là della replica straordinaria di questa cena, la nostra attività ufficialmente è sospesa almeno fino agli inizi dell’anno nuovo, quando è prevista la partenza di un nostro Quarto Stormo. Ma non ce ne staremo con le mani in mano tutto novembre e dicembre: stiamo già covando un nuovo esperimento. Per ora vi mettiamo la pulce nell’orecchio (e speriamo un po’ di curiosità) con un forse provvisorio, forse definitivo… J’adoube.

Eleonora Oliveira

Posta un commento