martedì 10 gennaio 2017

reportage su DESTINI INCROCIATI - Terza rassegna nazionale teatro in carcere | AMuNì

Dentro DESTINI INCROCIATI - Terza Rassegna Nazionale Teatro in Carcere
AMUNì 
Spettacolo teatrale con gli attori del Carcere di Saluzzo
al Teatro della Tosse di Genova, 16 ottobre 2016

Questo è il punto di partenza del lavoro svolto dalla Compagnia Voci Erranti nel 2013 con i detenuti del Laboratorio teatrale del carcere di Saluzzo, che chiude la Rassegna Destini Incrociati. Rassegna Nazionale di Teatro Carcere ospitata a Genova il 14-15-16 ottobre 2016.
Amunì - andiamo, in dialetto siciliano - scritto e diretto da Grazia Isoardi con le coreografie di Marco Mucaria e gli attori/detenuti Alberto B., Alberto M., Eric, Francesco, Marco, Nabil, Oscar, Rayan, Salah, Simone, Stefano.
Uno spettacolo maschile, una squadra di figli in attesa di un padre. Un padre evocato nei ricordi, deriso, temuto, mescolato nelle descrizioni soggetive. I tempi dell'attesa riempiono lo spazio della sua assenza. In fondo in scena ci sono 11 fratelli, 11 detenuti, 11 uomini diversi per estrazione, altezza, peso e vicende personali, e la scena è vuota. Loro e le sedie dell'attesa.

"Questa è la storia di una famiglia,
una grande famiglia.
Tanti figli, tutti maschi,
perché papà diceva
che teneva il seme forte
e mamma lo sapeva coltivare bene.
Ma un giorno papà partì.
Per dove? Non si sa.
Per quanto? Non lo disse.
Per cosa? Per portare qualcosa di più grande.
Venti anni.
E oggi finalmente ritorna,
torna a casa.
E facemu festa. Una grande festa."

Sono tutti schierati sul palco, una scena aperta che guarda l'orizzonte e laggiù c'è il mare. Racconti e ricordi, risate e coreografie piene di vita e nostalgia. E poi di nuovo il mare, che tutti, almeno una volta, abbiamo guardato in attesa che qualcosa da lì tornasse.
Il ritorno della libertà.

Associazione Voci Erranti Onlus
Siamo sognatori di mondi,
ragazze a cui piacevano i poeti
capitani di tavole imbandite,
destini a scomparsa.
Siamo voci erranti,
cui oggi e soltanto oggi,
la terra all’orizzonte di nuovo appare.
- Ivano Fossati
 
L’Associazione Voci Erranti Onlus nasce nell’anno 2000 a seguito di un Laboratorio Teatrale svolto nell’ex ospedale psichiatrico di Racconigi con 18 persone che avevano vissuto la loro esistenza dentro l’istituto. Il percorso si concluse con lo spettacolo omonimo.
La  necessità di fare memoria di quel luogo, di riscattarlo con attività culturali e artistiche e di aprirlo alla cittadinanza ha portato alla formazione  di un gruppo di lavoro eterogeneo, oggi impegnato con progetti sia nel campo artistico che in quello sociale.
L’Associazione, senza finalità di lucro, collabora con Enti, Compagnie Teatrali, Associazioni e con l’Università degli Studi di Torino.
Dal 2002 è presente nel carcere di Saluzzo con il Laboratorio Teatrale per i detenuti, nel 2006 ha  fondato, a Savigliano, il Centro di Formazione Teatrale Milanollo.
L’Associazione fa parte del Coordinamento del Teatro Sociale di Cuneo e del Coordinamento nazionale del Teatro in Carcere.
Voci Erranti è spazio di incontro e di  relazione nel quale le esperienze possono essere occasioni di crescita e di condivisione.
Posta un commento